Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina ne acconsenti all'uso.

Per saperne di piu'

Chiudi

La Regione Lazio incentiva il passaggio alla tariffa puntuale dei rifiuti. Un percorso da affrontare insieme.

da in News
  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 670
  • Stampa
670

unnamed

 

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 117 del 22.05.2017 è stato pubblicato il Decreto Ministerialesulla tariffa puntuale che definisce i "criteri per la realizzazione da parte dei comuni di sistemi di misurazione puntuale della quantità di rifiuti conferiti al servizio pubblico, finalizzati ad attuare un effettivo modello di tariffa commisurata al servizio reso".

Con la Deliberazione DEC2 del 17/01/2017 la Regione Lazio mira a recepire la normativa nazionale che indirizza i Comuni nel passaggio alla tariffazione puntuale, prefigurando un percorso e dei contributi economici per coloro che nei prossimi anni effettueranno il passaggio.

La tariffazione puntuale è individuata nei documenti strategici comunitari, nazionali e regionali riguardanti la gestione e la prevenzione dei rifiuti, tra gli strumenti da promuovere con maggiore forza, sia per ottimizzare il riciclaggio, sia per promuovere la prevenzione dei rifiuti, sia per garantire maggiore equità nel pagamento dei servizi erogati (applicazione del principio "chi inquina paga").

In questo momento storico di cambio di prospettiva, in cui Amministrazioni locali e gestori del servizio hanno la necessità di valutare, progettare e mettere in atto il nuovo sistema di tariffazione, Achab Group mette a disposizione la sua esperienza in vari ambiti:

  • Simulazione degli effetti dell’adozione della tariffa puntuale
  • Scelta e progettazione del sistema hardware e software da utilizzare
  • Comunicazione e coinvolgimento delle utenze domestiche e non domestiche
  • Facilitazione, prevenzione del conflitto e monitoraggio su utenze “critiche”

Il passaggio da tassa a tariffa (con “sacco” o altri metodi analoghi) comporta la necessità di una corretta comunicazione alle utenze. Gli obiettivi sono quelli di ottemperare agli obblighi di trasparenza della pubblica amministrazione, corretto coinvolgimento delle utenze; tali azioni sono da programmare in conformità alle linee di indirizzo delDecreto Ministeriale CAM Rifiuti del 13 febbraio 2014 (G.U. n. 58 dell’11 marzo 2014)  che ha stabilito i "Criteri Ambientali Minimi" per l’affidamento del servizio di gestione dei rifiuti urbani. L’appalto dei servizi di raccolta dei rifiuti urbani acquisisce da questo momento la fisionomia di un servizio sempre più “a largo spettro” in cui aspetti puramente operativi, quali lo svuotamento dei contenitori ed il trasporto dei rifiuti a destinazione, si integrano con servizi di tipo intellettuale quali progettazione, pianificazione, monitoraggio, comunicazione, sensibilizzazione, coinvolgimento di diversi attori locali, gestione dati.

In questa logica la consulenza qualificata di un soggetto che conosca direttamente la normativa, le tecnologie e le esperienze più valide di comunicazione a livello nazionale, rappresenta per l’amministrazione un vantaggio fondamentale al momento di iniziare il percorso di passaggio alla tariffa puntuale.

 

Qualora la Regione Lazio renda disponibili bandi per contributi che agevolino il passaggio, Achab si rende disponibile ad affiancare le Amministrazioni nella elaborazione di progetti idonei.

Vi invitiamo a prendere visione delle esperienze realizzate da Achab Group sul nostro sito alla sezione “progetti” e a prendere contatto con il nostro referente per il Lazio, Maurizio Pierdomenico (maurizio.pierdomenico@achabgroup.it, n. 348.3851813) per eventuali approfondimenti.

 

Allegati:

Scheda Corintea su consulenza

Portfolio Achab su tariffa

 

Taggati su: Achab Group