Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina ne acconsenti all'uso.

Per saperne di piu'

Chiudi

News

546

big hanna fiorano

Il Comune di Fiorano Modenese nell'ambito di un bando di finanziamento, ha richiesto e ottenuto un contributo da Atersir, l'Agenzia Territoriale dell'Emilia-Romagna per i servizi idrici e i rifiuti, posizionandosi al 16° posto su 41 progetti presentati, per la realizzazione del progetto 'Compost a km zero', all'interno di una serie di iniziative comunali per il contrasto agli sprechi e la riduzione dei rifiuti.
Il progetto fioranese ha portato all'acquisto di una compostiera elettromeccanica di comunità BIG HANNA accompagnata da una piccola campagna di comunicazione destinata agli alunni delle scuole locali e alle loro famiglie.
La compostiera è stata installata presso la scuola primaria Luisa Guidotti di Crociale, per trattare gli scarti di preparazione e consumo dei pasti degli alunni e dei ragazzi che frequentano i centri estivi comunali, con l'obiettivo di far conoscere ed incentivare la buona pratica del compostaggio domestico e la sensibilizzazione alla riduzione degli sprechi alimentari in particolare e dei rifiuti in generale.
Durante il taglio del nastro alla presenza delle autorità comunali, scolastiche e di un rappresentante di Atersir, gli operatori della Cir hanno effettuato il primo carico di scarti alimentari, mentre ai 300 alunni coinvolti nel progetto sono stati distribuiti cofanetti personalizzati contenenti un piccolo campione di compost e bulbi di fiori stagionali da piantare oltre ad un pieghevole informativo illustrato sui vantaggi del compostaggio ed il funzionamento della compostiera.

Il progetto stima una riduzione potenziale di 4-5 tonnellate di rifiuti all'anno. La compostiera installata è in grado di trattare 75 a 100 kg /settimanali, pari a circa 10-15 kg al giorno di resti alimentari prodotti dalla mensa scolastica oltre a significative percentuali di materiale organico originato dalla manutenzione del verde presente nel parco scolastico. La riduzione stimata è dell'80% circa in volume e peso.

"L'obiettivo del progetto – spiega l'assessore all'ambiente Riccardo Amici, è sensibilizzare il corpo docenti, gli alunni, i ragazzi e le loro famiglie ed i bidelli del plesso scolastico presso cui verrà posizionata la compostiera elettromeccanica, a conoscere il processo biologico di degradazione dei rifiuti organici e a servirsi della compostiera tutti i giorni. Si ritiene in questo modo di informare e formare, attraverso eventi, momenti dedicati e pannelli descrittivi, anche le famiglie gravitanti attorno alla scuola, sull'opportunità di effettuare il compostaggio domestico, favorendo comportamenti virtuosi di riduzione degli sprechi alimentari e riducendo il volume di rifiuti conferiti al servizio di raccolta urbano, privilegiando la produzione di compost di qualità da riutilizzarsi in loco".

Con l'installazione di Fiorano Modenese salgono a 59 le macchine Big Hanna consegnate in tutta Italia con ben 35 già attive a pieno regime!

b2ap3_thumbnail__DSC0550.jpgb2ap3_thumbnail__DSC0551.jpgb2ap3_thumbnail__DSC0554.jpgb2ap3_thumbnail_IMG_3511.jpgb2ap3_thumbnail_IMG_3541.jpgb2ap3_thumbnail_IMG_3542.jpgb2ap3_thumbnail_Img-locandina.jpg

Continua a leggere
315

viterbo medioera 1

La decima edizione del festival dell'innovazione digitale "Medioera", che si è tenuto dal 9 al 12 maggio presso lo Spazio Attivo – Lazio Innova a Viterbo, ha registrato numeri da capogiro e consensi entusiastici per il livello degli interventi e dei relatori che hanno partecipato, tra i quali Federico Buffa e Carlo Freccero.

Anche Achab Group è stata protagonista: tra gli speakers del festival, infatti, anche Antonio Garofano, marketing e csr specialist di Achab Med, che ha sottolineato come la CSR possa essere parte integrante della mission aziendale, illustrando numerosi progetti e best practices. Nel suo intervento, in sintesi, si è voluto porre l'acento su come la CSR e l'innovazione sociale rappresentino ormai un fattore strategico di successo per le imprese. E lo dimostrano le numerose best practices inerenti settori molto diversi tra loro (automotive, packaging, edilizia, food).

Rispetto agli anni scorsi, quindi è cresciuta molto la consapevolezza al riguardo sia da parte delle aziende che degli Enti, e l'attenzione del festival Medioera sul tema ne è un'ulteriore conferma.

Leggi l'articolo sul tema CSR e innovazione sociale!

Continua a leggere
331

AT 2000 2019 meglio

Si è concluso con risultati molto positivi il progetto di educazione ambientale "Per l'ambiente... tutti presenti!" che ha raccolto importanti numeri tra le scuole dei bacini serviti da A&T2000 (la società che gestisce la raccolta dei rifiuti in 51 comuni delle provincie di Udine e Trieste): ben 138 classi partecipanti, per un totale di più di 2.300 alunni.

Le attività, rivolte ai bambini delle scuole primarie e secondarie di I grado, andavano a toccare untema particolarmente importante nella gestione dei rifiuti: i RAEE, cioè i Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, l'unica categoria di rifiuti che continua ad aumentare in maniera significativa e che rimane un "buco" nella raccolta, in quanto i piccoli RAEE spesso non vengono conferiti correttamente. I laboratori hanno aiutato i ragazzi a comprendere quanto sia importante differenziare correttamente i RAEE e come essi contengano al loro interno importantissime risorse che verrebbero altrimenti sprecate, come ferro, alluminio e plastica in grandi quantità, ma anche metalli preziosi, come l'oro, seppure in quantità minori. Basti pensare che dal riciclo di 20 cellulari si può ricavare la quantità di oro necessario a realizzare una fede nuziale.I bambini hanno inoltre scoperto che l'abbandono dei RAEE sul territorio, oltre ad essere un atto di inciviltà, può causare gravi danni ambientali, in quanto alcuni apparecchi elettrici contengono sostanze molto pericolose per l'ambiente, come il CFC presente in alcuni frigoriferi che è una delle cause principali del buco dell'ozono o le polveri al mercurio presenti nei neon, elemento pericolosissimo anche per la salute umana.

I laboratori prevedevano poi un approfondimento su quello che per gli alunni è il RAEE per eccellenza: lo smartphone. I ragazzi, in particolare quelli delle scuole secondarie di I grado, hanno potuto approfondire vari aspetti legati ai cellulari, dai materiali di cui è composto, a quanta energia elettrica consuma per ricaricarsi, dai numeri di utenti e smartphone venduti fino ai risvolti sociali ed ambientali causati dall'estrazione delle materie prime necessarie alla loro produzione su scala mondiale.

Continua a leggere
274

benevento offiicine

"Dal confronto con i vari soggetti coinvolti nelle gare d'appalto per i servizi di Igiene Urbana è emerso ancora una volta che una delle criticità principali è quella della valutazione dell'offerta tecnica, che attualmente viene fatta ad insindacabile giudizio della commissione con metodi qualitativi e non quantitativi. Anche oggi abbiamo rappresentato la nostra proposta, provocatoria, di una diversa modalità di assegnazione del punteggio con formula matematica che andrebbe ad eliminare questa criticità".

Nelle parole del direttore tecnico di Officine Sostenibili srl  Pasquale Lepore uno degli spunti emersi nel corso del seminario in programma a Benevento, presso il Work Center di contrada Piano Cappelle e dedicato alle gare d'appalto per i servizi di Igiene Urbana. Un appuntamento organizzato da Officine Sostenibili in collaborazione con Novamont e con il patrocinio di Asso BioPlastiche, Fise Assoambiente, CIC Consorzio Italiano Compostatori, Conai e ANCI Campania, e la media partner di RiciclaTv.

Diversi gli interventi moderati da Massimo Santucci di Achab Med. Al tavolo dei relatori con Pasquale Lepore anche Agostino Sorà di Eda Caserta; Enrico Angelone di Eda Napoli; Giancarlo Alongi e Donatello Miccoli di Fise Assoambiente; Carlo Furno di Achab Med; e Antonio Esposito responsabile del Servizio Tributi del Comune di Sant'Anastasia.

Altro spunto, quello emerso dai dati elaborati da Officine Sostenibili grazie ad una indagine statistica che ha preso in esame ben 100 gare d'appalto pubblicate in tutta Italia tra il 2016 ed il 2018. "Il 72% delle gare d'appalto del servizio di igiene urbana – ha spiegato Lepore - ha un importo superiore al milione di euro. Solo il 2% viene aggiudicato nell'arco di trenta giorni. E nell'82% dei casi il punteggio complessivo delle offerte tecniche è assegnato in modo discrezionale".

"Per stanare un evasore l'unico sistema è quello di incrociare le varie banche dati in possesso della Pubblica Amministrazione - ha spiegato invece Antonio Esposito raccontando la best practice nella lotta all'evasione del Comune di Sant'Anastasia – e poi considerare la tassa dei rifiuti come se fosse un'utenza, come quelle elettriche o del gas. L'introito deve riuscire a remunerare completamente i costi ed è quello che oggi i Comuni non riescono a fare".

Questa di Benevento è stata la seconda tappa, dopo quella di Palermo, del tour nazionale di Officine Sostenibili con il seminario dedicato alle gare d'appalto per i servizi di Igiene Urbana. Prossimo appuntamento, in giugno, a Roma.

Continua a leggere
279

castellabate

Il Comune di Castellabate raggiunge nel mese di marzo 2019, a soli 30 giorni dall'avvio del nuovo servizio di raccolta differenziata "porta a porta", quasi l'80% di raccolta differenziata.

Achab Med ha affiancato la Sarim, neo-gestore del servizio di igiene urbana, nelle attività di start up e comunicazione per l'attivazione della raccolta "porta a porta". Un lavoro capillare condotto in step successivi, in un contesto territoriale particolare ed eterogeneo.

"È un traguardo straordinario, raggiunto grazie all'impegno che l'Amministrazione si è assunta fin dal giorno del suo insediamento – ha dichiarato il Sindaco Costabile Spinelli - dalla fine del 2018 ad oggi, la percentuale di raccolta è aumentata del 30%. Voglio sottolineare che il merito è soprattutto della cittadinanza che ha saputo, fin da subito, con responsabilità ed alto senso civico, mettere in pratica le indicazioni loro fornite attraverso una capillare e massiccia campagna informativa che ha visto coinvolte le utenze domestiche, commerciali, le scuole e le numerose strutture ricettive presenti sul nostro territorio"

Soddisfazione anche dell'assessore all'Ambiente Domenico Di Luccia: "Questo risultato è frutto dell'impegno che la nostra Amministrazione ha saputo mettere al servizio dei nostri cittadini. Grazie al nuovo sistema di raccolta differenziata "porta a porta", che copre l'intero territorio comunale, ed al senso civico mostrato dai cittadini, ma anche dai visitatori e turisti della nostra splendida città, siamo riusciti a raggiungere un traguardo che solo alcuni mesi fa era del tutto inaspettato".

Il risultato raggiunto a Castellabate è la dimostrazione ulteriore che, lavorando in sinergia: Comune-Gestore-Società specializzata di comunicazione ambientale, sempre più città campane si configurano come "Comuni virtuosi" in tema di gestione rifiuti.

Guarda il video che testimonia i risultati di Castellabate!

Continua a leggere