Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina ne acconsenti all'uso.

Per saperne di piu'

Chiudi
Iscriviti a questa lista tramite RSS Post sul blog taggati in Casa Comune
21

achabini

Siamo stati felici di festeggiare i primi 25 anni di Achab Group con la messa in scena il 17 gennaio presso la sede del Gruppo Abele a Torino del nostro monologo teatrale "Evoluzione. Riflessioni postume di un Australopiteco" abbinato a una raccolta fondi per sostenere il "progetto Casacomune", l'associazione di promozione sociale che si occupa di azione e formazione per promuovere i temi affrontati nell'enciclica di Papa Francesco Laudato si'. Perché come ci ricorda sempre Don Luigi Ciotti "la relazione tra etica e ambiente, tra responsabilità sociale ed economia, tra ricchezza e povertà è oggi così drammaticamente evidente che nessuno può più eluderla".

Sono 25 anni che facciamo impresa, siamo nati nel febbraio 1995, da una felice intuizione di Michele Mogno, che decise di dedicare l'attività del suo studio grafico esclusivamente alla comunicazione ambientale, in un momento in cui nessuno parlava d'ambiente, Greta non era neppure nata e i cambiamenti climatici erano una lontanissima eventualità.

Abbiamo iniziato così, animati da una grande passione, ad occuparci d'ambiente. Alcuni sono ancora con noi, tra i primi ad iniziare quell'avventura. Tanti altri si sono aggiunti e oggi lavorano in rete oltre 40 persone da 4 sedi, Torino, Modena, Scorzè (VE) e Benevento.

La volontà di dare un senso etico all'attività d'impresa ha portato Achab srl a trasformarsi in Società Benefit, mettendo al primo punto della nostra missione la felicità di chi lavora e il miglioramento della qualità ambientale, consapevoli che le imprese e le comunità possono prosperare solo coniugando lavoro e tutela ambientale. Missione possibile se diventerà sempre più un obiettivo diffuso e condiviso.

La ricerca di nuove forme di espressione per comunicare l'ambiente ci ha portato a realizzare il nostro primo spettacolo teatrale; "Evoluzione. Riflessioni postume di un Australopiteco." Un monologo che affronta il tema del rapporto tra la nostra specie, Homo Sapiens, e la Natura, osservato dal punto di vista di un Australopiteco, un genere estinto 2 milioni di anni fa, precursore del genere Homo, e che ha sviluppato la posizione eretta e il pollice opponibile. Dalla prospettiva di una specie diversa da noi, ormai estinta, viene descritta la crisi ambientale che abbiamo prodotto, cogliendone gli aspetti più critici, gli errori più evidenti ma anche le opportunità di riscatto. Tra toni ironici, divulgativi e introspettivi gli spettatori assumono via via consapevolezza delle regole che determinano l'evoluzione e della necessità di rispettare la natura per poter garantire continuità alla nostra specie.

Avremmo voluto avervi tutti con noi, ma i 270 posti disponibili sono andati tutti sold out in un attimo. Non disperate: altre date sono già programmate tra Biella (31 gennaio), Trieste (fine marzo), Fidenza (inizio aprile) e altre saranno decise a breve!

b2ap3_thumbnail_achab-SB.pngb2ap3_thumbnail_to-1.jpgb2ap3_thumbnail_to2.jpg

 

Continua a leggere
743

ilmondochescompare

Nel weekend del 22-24 novembre con "Il mondo che scompare: la bio-diversità naturale e sociale a rischio di scomparsa" Casa Comune, la Scuola di formazione scientifica, di dialogo culturale e incontro sociale del Gruppo Abele di Don Luigi Ciotti, offre ancora la possibilità di partecipare ad una serie di giornate in cui, attraverso la voce di esperti, si rifletterà, nello splendido scenario della Certosa di Avigliana (TO), su temi ambientali di stretta attualità e di quanto la diversità biologica sia sempre più a rischio, non solo per l'estinzione di singole specie, animali e vegetali, ma anche per il degrado, spesso irreversibile, di interi ecosistemi.
Le foreste, in particolare, rappresentano una risorsa sempre più a rischio eppure svolgono un ruolo che non è solo ecologico ma fondamentale anche a livello sociale ed economico. Sono il termometro delle sofferenze del Pianeta o della sua salute.

Il corso è destinato ad insegnanti di ogni ordine e grado, educatori, ambientalisti, amministratori pubblici, studenti universitari e tutte le persone che hanno a cuore il destino del Pianeta.
Durante le tre giornate interverranno tra i relatori Tommaso Anfodillo, ecologo dell'Università di Padova; Carlo Barbante, chimico e climatologo dell'Università di Venezia; Cesare Lasen, geobotanico e naturalista; don Luigi Ciotti, presidente di Casacomune, Gruppo Abele e Libera.
Tutte le info sui relatori e le modalità di iscrizione le potete trovare qui!

A questa pagina gli interessati possono iscriversi alla mailing list per rimanere aggiornati sui prossimi corsi.

Achab Group dà grande valore alla formazione del proprio personale e, in quest'ottica, nel weekend dal 4 al 6 ottobre, una folta delegazione della nostra azienda ha partecipato proprio alla Certosa di Avigliana ad un altro ciclo di giornate di formazione a tema "La cura della casa comune".

Ne parliamo con Paola Bernardeschi, Direttore Tecnico di Achab Group.

Quali sono le ragioni per cui Achab ha partecipato e sposato l'idea di questi corsi?

"In azienda da anni seguiamo percorsi di formazione permanente che coinvolgono dipendenti e dirigenti, sempre alla ricerca di proposte qualificate ed innovative.
Abbiamo scelto la scuola di Casa Comune, promossa dal Gruppo Abele, perché offre uno sguardo completo a quanti vogliano analizzare e comprendere la complessità del rapporto tra uomo e natura. Qui l'ecologia diventa "integrale", perché tiene insieme le dimensioni ambientale, sociale ed etica".

Come si sono svolti, quali le cose che più hanno colpito?

"Il corso, coordinato da Mirta Da Prà Pocchiesa, è stata una full immersion di tre giorni all'insegna della sostenibilità durante i quali si sono alternate conferenze, attività laboratoriali e momenti di convivialità nello scenario unico e raccolto della Certosa di Avigliana, all'imbocco della Valle di Susa. Guidati da professionisti, illustri professori e ricercatori, abbiamo approfondito le grandi tematiche contemporanee: il cambiamento climatico, particolarmente accentuato nelle aree artiche e montane; la tutela della biodiversità, con un focus sulla vita negli oceani; i fenomeni migratori, oltre i luoghi comuni; la riflessione antropologica sulla cultura fuori controllo dell'Antropocene, improntata al progresso illimitato e al dominio dell'uomo sulla natura.  Per noi il corso ha rappresentato un'esperienza di profonda condivisione di contenuti e soprattutto di valori, grazie all'approccio "integrale", alla residenzialità in un luogo che invita alla sosta e alla riflessione, ai momenti comunitari architettati per favorire lo scambio e il confronto (condividere i pasti, passeggiare insieme nel bosco, assistere alla proiezione del documentario presentato da Cinemambiente). CasaComune è una scuola speciale. Perché offre conoscenza e coscienza; citando Don Luigi Ciotti "non basta sapere: occorre essere ciò che si sa, trasformare il sapere in etica, relazione con gli altri e con la Terra".

Tornati a casa, quali sono le sensazioni?

"La sensazione è di aver ricevuto un bel "giro di carica". Ci accompagna un senso più "alto" della nostra professione di comunicatori e divulgatori ambientali, in un passaggio storico di difficile ottimismo per le sorti del nostro Pianeta. Per la nostra azienda, il corso ha rappresentato anche un momento di team building, una preziosa opportunità per riscoprire i valori fondanti di Achab, alla soglia dei primi 25 anni di attività. Sicuramente l'entusiasmo di continuare a metterci in gioco con un'attitudine di impegno ed urgenza".

b2ap3_thumbnail_casa-comune1.jpgb2ap3_thumbnail_casa-comune-2.jpgb2ap3_thumbnail_WhatsApp-Image-2019-10-19-at-18.29.59.jpg

Continua a leggere