Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina ne acconsenti all'uso.

Per saperne di piu'

Chiudi

Nasce uno studio di fattibilità per la gestione dell'umido nelle mense universitarie toscane

da in Compostaggio
  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 2760
  • Stampa
2760

Coinvolte le Università di Firenze, Pisa, Siena gestite da DSU Toscana (Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana)

DSU toscanaNel corso degli ultimi decenni le finalità che gli enti territoriali e gli operatori del settore hanno assegnato al servizio di ristorazione collettiva scolastica (per tutti gli ordini e gradi di istruzione e quindi anche per quella universitaria) si sono ampliate rispetto al semplice, ma prioritario, soddisfacimento di un bisogno nutrizionale. Il servizio di ristorazione scolastica è sempre più visto come un momento di educazione e di promozione della salute e di diffusione di corretti comportamenti diretto agli studenti, che coinvolge anche i genitori e gli insegnanti. Gli aspetti salutistici e nutrizionali non sono quindi le uniche finalità che un servizio orientato alla qualità deve perseguire.

In quest'ottica, Achab Group e la Società di Progettazione Corintea, hanno ricevuto l'incarico, tramite un bando, per la realizzazione di uno studio di fattibilità finalizzato alla riduzione dell'impatto ambientale determinato da movimentazione, stoccaggio, trasporto e smaltimento dei rifiuti organici prodotti all'interno delle mense Martiri, Cammeo e Betti di Pisa; Caponnetto e Calamandrei di Firenze; mensa Bandini di Siena.

Lo studio mira, nel rispetto della normativa europea e nazionale in tema di riduzione e smaltimento degli scarti alimentari animali e prodotti derivati definiti come residui biodegradabili, (Reg.n.1069/09/CE e del Reg.n.142/2011/UE) all'individuazione di un sistema capace di smaltire tali rifiuti attraverso la loro trasformazione in compost e il contenimento dei consumi energetici, migliorando così la sostenibilità ambientale, sociale ed economica della filiera alimentare.

Lo studio di fattibilità, finalizzato all'individuazione di un modello operativo specifico per le varie sedi, prevede le seguenti fasi: Sopralluoghi, interviste e acquisizione di dati e informazioni, Elaborazione sintetica delle proposte operative, Presentazione e discussione delle proposte, Redazione di report finali.

L'output del lavoro consisterà in un report articolato con specifiche proposte operative in termini di valorizzazione dei rifiuti organici fra le quali, compostiere elettromeccaniche di comunità installate in loco nell'ambito del quadro normativo esistente.

 

Taggati su: Achab Group