Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina ne acconsenti all'uso.

Per saperne di piu'

Chiudi

Sicurezza stradale in classe

da in News
  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 3015
  • Stampa
3015

Nelle scuole italiane si impara viaggiando con la fantasia

“La buona strada della sicurezza” è il progetto che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha ideato e promosso nelle scuole italiane in collaborazione con un team di esperti composto da una psicologa professionista, da una pedagogista, dallo scrittore torinese Guido Quarzo e da Achab Group.
Il gruppo di lavoro ha elaborato una serie di strumenti didattici (racconti illustrati, giochi e questionari) finalizzati alla formazione di una generazione di cittadini responsabili ed educati rispetto alla sicurezza stradale che già a partire dall’anno scolastico 2011-2012 sono stati coinvolti dalla prima parte sperimentale del percorso denominata PROSESS (Progetto Sperimentale di Educazione alla Sicurezza Stradale).
E voi, avete mai fatto “Una gita in formula uno” oppure “Una passeggiata sulla Luna”? Forse, infatti, non vi sarete mai imbattuti nel principe Pipino oppure in Evasio Distrattini ma i ragazzi delle nostre scuole avranno la possibilità di viaggiare con questi personaggi imparando con loro le fondamentali regole di convivenza e civiltà nello spazio collettivo “strada” attraverso una collana tematica di racconti illustrati e un kit di materiali organizzati per moduli didattici e promossi dal Ministero su tutto il territorio nazionale
Gli strumenti sono scaricabili direttamente dal sito del Ministero ad opera di ciascuna scuola che abbia aderito al progetto e sia quindi in possesso del log-in.
L’approccio multidisciplinare messo in campo dalla Direzione Generale per la sicurezza stradale è stato didatticamente curato in ogni dettaglio allo scopo di educare e formare i bambini al tema della sicurezza stradale, incentivando il senso di responsabilità individuale e collettiva.

copertine racconti MINISTERO