Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina ne acconsenti all'uso.

Per saperne di piu'

Chiudi
Iscriviti a questa lista tramite RSS Post sul blog taggati in Provincia di Torino
3132
PREMIAZIONE ECOQUIZ COVARLe vacanze sono in pieno svolgimento ma ancora grande è la eco tra gli studenti delle scuole che hanno partecipato a Ecoquiz! L’ultimo concorso della stagione 2014-2015, in particolare lanciato dal consorzio COVAR14 (area sudovest di Torino) nei comuni di Beinasco, Bruino, Orbassano, Piossasco e Rivalta di Torino in collaborazione con le cooperative che gestiscono le raccolte in tali comuni ovvero Cooplat, Frassati, La Nuova (e il CNS) si è concluso con una importante cerimonia di premiazione, alla presenza delle massime autorità locali.
 
La gara, riservata agli studenti dell’Istituto Scolastico Superiore Amaldi-Sraffa di Orbassano, partita ad Aprile e chiusasi a fine anno scolastico, ha registrato numeri importanti, avendo visto battagliare sull’applicazione on line Ecoquiz circa 260 ragazzi di tutte e tre le scuole parte dell’Istituzione Scolastica (ITI, ITC e Liceo) con più di 400 partite al giorno giocate e più di 10mila in totale! 
 
Alla fine, dopo una lotta serrata negli ultimi minuti, l’hanno spuntata 3 studenti (particolare curioso) tutti residenti del Comune di Piossasco: nell’ordine Davide Carrescia (3A ITC), Ilenia Petrosino (3A ITC) e Mindaye Rambaudi (4A Liceo SA) i quali si sono accaparrati i tre tablet in palio ed hanno sfruttato al meglio il meccanismo del reset: per raggiungere punteggi superiori, si riparte da zero ma avendo già la conoscenza di molte risposte nel frattempo imparate, si può quindi rispondere in modo più veloce totalizzando sempre più punti.
 
Sarà stata contenta il Sindaco di Piossasco Roberta Avola Faraci, la quale assieme ai suoi colleghi di Orbassano Gambetta, di Bruino Riccardo e di Rivalta di Torino Marinoni, oltre all’Assessore all’Ambiente del Comune di Beinasco Chinaglia, ha premiato i tre vincitori, alla presenza del Presidente Covar14 Leonardo Di Crescenzo in un “parterre de rois” di istituzioni che ha nobilitato la forte partecipazione dei ragazzi.
 
Forti emozioni e tante conoscenze acquisite attendono ancora molti altri studenti nel nuovo anno scolastico: fatevi sotto con Ecoquiz, un modo semplice ed attuale per divertirsi ed imparare!
 
Continua a leggere
3211

logo_EcoquizQuale tipo di energia si ricava dalla crosta terrestre? Cosa è corretto fare con gli oli vegetali esausti? Cosa si intende per spostamento multimodale?
Sono giorni intensi per i ragazzi delle scuole coinvolte dal concorso “Ecoquiz: in missione per il Pianeta!” che si stanno sfidando a colpi di conoscenze ambientali sull’applicazione Ecoquiz, gioco educational sviluppato da Achab Group, con l’obiettivo di avvicinare i ragazzi a nuovi concetti in materia di rifiuti, mobilità, energia e sostenibilità ambientale.

Sono tre i concorsi attivi in queste settimane su tutto il territorio italiano, un filo verde che parte dal bacino COVAR14 di Torino, passa per tutta la Provincia di Rieti e termina a Poggiomarino in Provincia di Napoli per un totale di 39mila partite giocate solo nei primi giorni di avvio del concorso.
I ragazzi possono giocare partite singole, accumulando punti e scalando la classifica generale del proprio territorio oppure lanciare sfide con tutti gli utenti on-line per guadagnare un bonus di 100 punti e allenarsi il più possibile per vincere i fantastici premi in palio di ciascun concorso attivo.

Si può giocare ad Ecoquiz da un computer collegato ad Internet, da un tablet o da uno smartphone, scaricando l’app dagli store Google e Windows oppure collegandosi direttamente al sito www.ecoquiz.it, dove è disponibile anche un tutorial che spiega la dinamica del gioco e le modalità di registrazione.

Ecoquiz è un nuovo modo per imparare, per scoprire concetti e mettere alla prova le abilità dei nostri ragazzi. E’ un gioco che forma ed informa, perché sbagliando s’impara.

Buon divertimento ed in bocca al lupo a tutti gli studenti che sono in missione per il Pianeta!

Continua a leggere
2693

Schermata 2014-12-03 alle 13.10.22In giorni in cui la gestione dei rifiuti in Italia occupa le pagine di molti giornali, spesso in modo poco lusinghiero, raccontiamo la storia di un felice compleanno. É la storia di COVAR14, Consorzio atto alla gestione dei rifiuti nei Comuni dell’area sud della Provincia di Torino, che ha festeggiato i 10 anni di porta a porta nel suo bacino. Per celebrare questo importante traguardo, il 28 Novembre scorso è stato presentato nel corso di una conferenza stampa il volume “2004-2014, 10 anni di porta a porta” alla cui redazione ha partecipato, fra gli altri, anche Achab Group.

Questo libro ha lo scopo di documentare e celebrare la nostra lungimiranza per aver scelto di cambiare radicalmente. - dichiara Leonardo Di Crescenzo, Presidente del COVAR14 - Perché nel 2004, cominciare ad introdurre la raccolta domiciliare in un bacino territoriale così grande e complesso, è stata davvero una scelta all’avanguardia.”

Il volume documenta, in una parte preliminare, gli andamenti delle raccolte differenziate nel territorio di riferimento, con un’evoluzione percentuale che è passata dal 22,7% medio del 2003 al 63% del 2006. Risultato notevole per un bacino di 250.000 abitanti che si caratterizza per situazioni di forte urbanizzazione e contesti tipicamente rurali. 

 Un ottimo lavoro di squadra, quindi, raccontato nella seconda parte del libro direttamente dalle voci e dai ricordi, anche singolari, di chi ha lavorato in questi dieci anni per raggiungere l’obiettivo: Sindaci, Assessori, Ecovolontari e cittadini.

Tra i ricordi legati al momento di attivazione del sistema, non posso non citare i continui contatti che avevo con i cittadini - racconta Enzo Stassi, assessore nel 2004, oggi dirigente ASL - tanto che venivano a suonarmi alla sera a casa per segnalarmi magari un mancato passaggio. Oppure al telefono: ricordo, sempre in tarda sera, una telefonata che aveva lo scopo di chiedermi in quale raccolta si sarebbe dovuto buttare il filo interdentale...

“2004-2014, 10 anni di porta a porta” sarà distribuito a tutti i Comuni del consorzio, i quali sono stati nel corso di questi 10 anni gli attori protagonisti di questa bella ed importante pagina di sostenibilità scritta nella Provincia di Torino.

Continua a leggere
2430

 

scelgo eco

E' ufficialmente attiva sul territorio del Consorzio CISA di Ciriè, nella provincia di Torino, la rete Scelgo Eco - Imprese amiche della Riduzione dei RifiutiL'importante iniziativa, già attivata nel mese di luglio, è inserita nell'ambito C3PO il progetto trasnfrontaliero Italia-Francia, promosso dal CISA in collaborazione con Achab Group e Corintea.

L’azione di coinvolgimento dei diversi attori imprenditoriali (e di amministrazioni locali) su obiettivi di sostenibilità ambientale si è quindi arricchita di un importante tassello: la presentazione dei primi esercizi aderenti all’iniziativa, nel corso di una conferenza stampa svoltasi a Ciriè nella giornata di Venerdì 17 ottobreGli esercizi aderenti sono attività che consentono di ridurre gli imballaggi, di prolungare la vita dei beni durevoli e semidurevoli, di diffondere l’uso dei pannolini lavabili, punti vendita di prodotti alla spina, di alimenti sfusi, di pannolini lavabili, di beni usati e imprese che offrono servizi di riparazione di beni durevoli e semidurevoli o che offrono servizi di noleggio.

L’elenco, che si arricchirà progressivamente di nuove adesioni, è disponibile sul portale www.prevenzionerifiuti.eu, un aggregatore di informazioni utili ai consumatori agli operatori di settore per mettere in pratica buone pratiche di riduzione dei rifiuti al quale sta lavorando in questi mesi lo staff di coordinamento del progetto Alcotra C3PO.

b2ap3_thumbnail_Conferenza_stampa_ScelgoEco_20141020-143607_1.jpgAlla costruzione della rete hanno hanno partecipato attivamente anche le associazioni di categoria presenti sul territorio: l’ASCOM, CNA, Confartigianato, Confesercenti, Coldiretti – Terra Nostra, CIA – Turismo Verde, il Consorzio degli operatori turistici delle Valli di Lanzo e la Direzione Ambiente della Regione Piemonte.

Aderire alla rete è semplice: è sufficiente scaricare e compilare il modulo di adesione presente sul sito www.prevenzionerifiuti.eu ed inviarlo ai contatti indicati. E per i consumatori è facile individuare questi esercizi? Certamente sì l'elenco completo è infatti disponibile sullo stesso portale. Inoltre, gli esercizi amici della Riduzione dei Rifiuti saranno tutti dotati di vetrofanie ed attestati di adesione, distribuiti nelle prossime settimane sul territorio.

Non resta che cominciare a fare scelte di consumo più sostenibili!

 

Continua a leggere
2623

Iniziative di contatto diretto dedicate alla qualità della raccolta differenziata in cinque Comuni della Provincia di Torino

COVAR14 AchabgroupIl COVAR 14 (in collaborazione con il nuovo gestore dei servizi CNS, entrato in carica con il nuovo appalto a Maggio 2014 e Achab Group) lancia nei Comuni di Beinasco, Bruino, Orbassano, Piossasco e Rivalta di Torino la campagna informativa “Il buon giorno si vede dalla raccolta differenziata” che prevederà, nel corso della stagione a cavallo tra il 2014 ed il 2015, alcuni interventi mirati per migliorare la qualità della raccolta differenziata nei centri coinvolti.

E così, nel mese di Ottobre è partito, in collaborazione con la rete territoriale degli ecovolontari, un primo intervento con focus nei mercati comunali dal doppio raggio d'azione: da una parte la sensibilizzazione dei cittadini sugli errori da evitare maggiormente commessi in un territorio ormai maturo rispetto alla differenziazione dei rifiuti “di primo livello” e quindi con potenzialità di miglioramento qualitativo.

Dall'altro lato, un' apposita azione di coinvolgimento degli operatori mercatali rispetto ai comportamenti da tenere nella differenziazione dei rifiuti durante il loro lavoro per rispettare le regole di raccolta. Tutti i mercati infatti sono dotati di un regolare servizio di raccolta differenziata dell'organico, di plastica-lattine, del cartone e delle cassette in plastica e legno.

Inoltre, al fine di massimizzare l'efficacia delle azioni messe in campo, i materiali di comunicazione prodotti sono stati tradotti nelle lingue più parlate dalle comunità straniere del territorio (rumeno, arabo, cinese) e resi davvero immediati e semplici grazie all'uso massiccio di immagini.

“E' solo il primo intervento rispetto a tanti altri che verranno effettuati su questa porzione di territorio consortile e su tutti gli altri comuni” - afferma il Presidente COVAR 14 Leonardo Di Crescenzo – con l'obiettivo di far accrescere ancora di più la sensibilità dei nostri cittadini, davvero già sopraffina, rispetto al tema raccolta differenziata e di eseguire interventi di informazione ancora più specifici e mirati”.

Continua a leggere