Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina ne acconsenti all'uso.

Per saperne di piu'

Chiudi
Iscriviti a questa lista tramite RSS Post sul blog taggati in Swap party
2631
keep-calm-and-reduce-waste-1La settima edizione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti si terrà dal 21 al 29 novembre 2015, sotto l’alto patrocinio del Parlamento Europeo, ed avrà come tema la dematerializzazione, ovvero come “fare di più con meno”.
 
L’iniziativa ha avuto un successo via via crescente che ha portato nel 2014 i 27 Paesi partecipanti a mettere in campo circa 12.000 azioni, di cui 5.643 solo in Italia
In occasione della SERR 2015 pubbliche amministrazioni, associazioni e organizzazioni no profit, scuole, università, imprese, associazioni di categoria e cittadini potranno proporre e attivare azioni volte a prevenire o ridurre i rifiuti a livello nazionale e locale.
L’esperienza Achab sui progetti legati alla riduzione dei rifiuti ci ha portati ad assecondare la sensibilità sempre crescente delle amministrazioni su questo tema sviluppando progetti innovativi e sperimentali che creino un cambiamento reale, utilizzando la SERR come trampolino di lancio.
 
In queste settimane stiamo progettando per i comuni più sensibili il lancio del programma “mense leggere” nelle scuole. Questo programma ha già portato diverse scuole alla sostituzione (in via volontaria da parte delle famiglie ma con percentuali di adesione vicine al 100%) delle stoviglie usa e getta con quelle lavabili.
E’ in sviluppo anche una nuova versione di Ecoquiz (il quiz-duello sulle tematiche ambientali che conta già migliaia di iscritti) sui temi della SERR: riduzione dei rifiuti, consumo consapevole, dematerializzazione. L’applicazione sarà l’occasione per lanciare nuovi e combattuttissimi contest nelle scuole medie e superiori di tutta Italia.
 
Infine ogni comune dovrebbe promuovere la realizzazione di swap party (giornate di scambio e riuso di oggetti usati ma funzionanti) sul proprio territorio. L’esperienza ci dice che queste iniziative sono la salvezza per tonnellate di oggetti che diventerebbero rifiuti, e invece nelle mani di un nuovo possessore si trasformano in veri tesori (soprattutto in questo periodo di crisi!).
Continua a leggere