Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina ne acconsenti all'uso.

Per saperne di piu'

Chiudi
Iscriviti a questa lista tramite RSS Post sul blog taggati in Video
281

a2a sos

Quanto può "valere" oggigiorno un video? La domanda è semplice, ma la risposta lo è decisamente meno. La ricerca della McQuivey's Forrester ha evidenziato che un video da 60 secondi ha lo stesso impatto comunicativo di quasi 2 milioni di parole. A questo si aggiunge anche che il 65% delle persone a distanza di tre giorni ricorda le informazioni di un video visto, a differenza del solo 10% di persone che ricorda quanto letto in un testo scritto (fonte: clicca qui).

Il video, quindi, non è più solo uno strumento social di uso personale ma diventa a tutti gli effetti un modo di diffondere cultura e conoscenza in maniera differente dai classici documentari scientifici. Per questo A2A e AMSA, in collaborazione con il Comune di Milano, hanno creduto fortemente nella necessità di creare una serie di video per l'educazione alla sostenibilità rivolti al target scolastico ma anche agli adulti:

* "aMIamo LA NOstra città" è dedicato al rispetto degli spazi urbani, con un'informazione puntuale sui servizi messi in campo per rendere vivibile una grande città come Milano;
* "Noi e il clima" spiega con termini semplici ma non banali il fenomeno dei cambiamenti climatici e invita ad azioni personali semplici ma necessarie per invertire la rotta;
* infine in fase di realizzazione ci sarà anche un video che approfondisce il mondo delle fonti energetiche e delle diverse modalità di produzione di energia.

I video, disponibili sul portale scuola di A2A nella sezione "Edu TV", sono stati realizzati dal gruppo di lavoro costituito dal settore Educational e Progetti Editoriali di A2A e Achab Group che si occupa di educazione e comunicazione ambientale per garantire la fruibilità dei contenuti trattati, semplificandoli senza banalizzarli ma anzi al fine di renderli comprensibili e attuabili da parte di tutti.

L'obiettivo è proprio quello di generare un reale cambiamento a partire dalla vita quotidiana di ognuno. Ora resta solo un modo per capire se l'obiettivo è raggiunto: vedere i video e diffonderli il più possibile. Buona visione e condivisione!

Continua a leggere
2452
calendari-2017 
Quando passa la plastica a Somma Lombardo (VA)? Quando posso esporre l’umido ad Aosta? E il secco indifferenziato a Osoppo (UD)? Devo smaltire un ingombrante a Prato. Che orari ha il centro di raccolta ad Arzachena (SS)? Come posso scaricare la app per la raccolta rifiuti a Beinasco (TO)? Il QR code sul calendario di Portogruaro (VE) dove mi porta?
 
Il calendario cartaceo della raccolta rifiuti è uno strumento che non tramonta mai. Un modo per aggiornare i cittadini sui servizi, sulle novità, per ricordare tutte le informazioni sulla raccolta differenziata ed i giorni di raccolta. Per entrare nelle case di tutti in modo discreto ma autorevole. Ed è sempre pronto ad adattarsi alle innovazioni oppure a diventare semplice veicolo di altri strumenti di comunicazione. Un esempio? Attraverso un semplice QR code stampato si possono lanciare video sulla qualità della raccolta (come quelli prodotti da Achab Group)! L’alleanza carta-nuove tecnologie passa anche da semplici accorgimenti come questo e può essere riproposta su ogni tipo di materiale classico, appunto, cartaceo.
 
I calendari della raccolta differenziata, (porta a porta o altri sistemi), permangono, in ogni caso, un appuntamento a cui in molti non possono e non vogliono rinunciare. Un appuntamento che è diventato una consuetudine per milioni di italiani che se lo ritroveranno nella cassetta delle lettere anche nel 2017.
Achab Group, per l’anno che viene, ha progettato e realizzato calendari per quasi 2 milioni di cittadini, coinvolgendo più di 160 comuni dal nord alle isole, dalle montagne ai mari.
 
Non ci resta quindi che augurare una buona raccolta differenziata a tutti, anche per il 2017!
Continua a leggere
3127

Ascolto, vedo, imparo. Il motto latino ci ricorda che dei 5 sensi l’udito e la vista sono i più importanti nell’apprendimento. E allora presentiamo un strumento nuovo ed efficace per la comunicazione istituzionale e aziendale: il video realizzato con la tecnica del “motion graphic”.

Come è facile immaginare la comunicazione fatta con un videoclip che riunisce audio, animazioni e infografiche risulta particolarmente efficace e coinvolgente, e non ci stancheremo mai di ribadire che nella moderna comunicazione istituzionale occorre presidiare con strumenti integrati i cosiddetti “luoghi frequentati” della rete: Facebook, Youtube, Vine e via dicendo. In questo modo rendiamo i nostri contenuti molto più raggiungibili e potenzialmente virali rispetto alla pubblicazione in pompa magna sul nostro sito istituzionale che solo chi ci conosce già può raggiungere. 

La motion graphic, grafica in movimento, è una tecnica di animazione di elementi grafici (disegni, illustrazioni, testi...). Essa, attraverso la combinazione di effetti visivi, effetti audio e speaker è una tecnica che ha un grande impatto emotivo e un coinvolgimento immediato. Si possono generare effetti di luce, distorsione, traslazione, trasformazione, creare l’illusione 3D, gestire suoni e musiche.

In Achab Group abbiamo realizzato un video in motion graphic per spiegare il nostro progetto Ecopunti visibile in homepage del progetto Ecopunti, per mostrare le potenzialità di questo strumento.

Al momento sono in lavorazione una serie di video sulla raccolta differenziata e le sue varie sfaccettature (come differenziare, la qualità dei materiali raccolti, riduzione rifiuti ecc.) che mettiamo a vostra disposizione per la personalizzazione e l’inserimento tra gli strumenti di una campagna di comunicazione che a questo punto possiamo a ragione definire “integrata”. Agli strumenti cartacei, alla visibilità e al contatto diretto sul territorio aggiungiamo un’attività di presidio della rete che è ormai il canale di contatto più diretto e frequentato a disposizione di una larga maggioranza del nostro pubblico.

 
Continua a leggere